l

REGISTRATI

Registrati anche tu al gruppo olivettiani e potrai ricevere la nostra Newsletter!

Una occasione per dire amicizia!

Una occasione per dire amicizia!

di Gianni Di Quattro                                Un periodo strano quello di Natale, forse prima era più bello, forse di questi tempi è più consumistico, ma insomma...

La biblioteca di Giorgio Soavi

La biblioteca di Giorgio Soavi

L'Associazione Archivio Storico Olivetti ha promosso una raccolta fondi per l'acquisto e la catalogazione della biblioteca di Giorgio Soavi, attualmente in vendita sul mercato librario e che rischia di andare dispersa in mille rivoli compromettendo...

La Olivetti non si dimentica!

La Olivetti non si dimentica!

Recentemente abbiamo accolto nella nostra comunità olivettiana un antico collega, che vedete ritratto con parte della sua numerosa famiglia di figli e nipoti. Si tratta di Edward D. Wang, un americano di origine cinese che alcuni di noi...

Il tredicesimo raduno è alle porte!

Il tredicesimo raduno è alle porte!

Cari amici, dopo la paura indotta dall'epidemia di Covid-19, abbiamo deciso di riprendere il nostro ormai tradizionale raduno che avevamo interrotto nel 2020. Quello del 2021 ha visto una partecipazione ridotta anche se molto sentita. Speriamo di...

L’azienda Olivetti e la cultura

L’azienda Olivetti e la cultura

Cristina Accornero L'azienda Olivetti e la cultura Tra responsabilità e creatività (1919-1992) Donzelli Editore 2022, pp. 152 - ISBN: 9788855223416   Le vicende editoriali, nate su iniziativa di Camillo e Adriano Olivetti, non sono state...

Una umanità sempre più strana

Una umanità sempre più strana

di Gianni Di Quattro      Non so quanta gente ogni tanto si ferma a pensare alla umanità che ci circonda, non ho visto statistiche al riguardo e non so se ce ne sono. Voglio dire pensare alla gente, a tutta la gente, a come è...

La Trappa, luogo di pace

La Trappa, luogo di pace

di Giuseppe Silmo Venerdì 28 ottobre, una bellissima serata alla Trappa. Come i monaci Trappisti ci siamo ritrovati in 28 nel Refettorio Trappista, più o meno nella disposizione con cui i monaci consumavano i loro frugali pasti. Per me, come penso...